Pubblicato in: Bibbia e Spiritualità, Gemme, musica

Gemma n° 2005

“La mia gemma non è qualcosa di fisico: è la passeggiata. E’ la cosa che più mi piace fare in generale, quando sono triste o quando mi sto annoiando, che sia da sola o in compagnia. Mentre la faccio posso pensare a tantissime cose, riesco a riorganizzare le idee. Passo anche intere giornate a camminare senza mai fermarmi, cammino sui 25 km al giorno.”

Visto che G. (classe quarta) non ha mostrato qualcosa di fisico, non ha proposto una foto, ho deciso di mettere un commento musicale. Il primo pensiero è andato ad una recente canzone di Caparezza. Si intitola El sendero e, come quasi tutti i brani dell’artista pugliese, è ricco di rimandi e suggestioni che mi riprometto di approfondire in un post dedicato.

Pubblicato in: cinema e tv, Etica, Gemme, sfoghi, Testimoni

Gemme n° 289

ragasfoc

La mia gemma è una persona, una ex compagna di scuola. Siamo rimaste amiche, lei mi è sempre stata accanto. Ultimamente la vedo molto meno spesso perché ha una malattia molto rara per la quale sembra non ci siano cure. L’ultimo anno è sempre stata a casa da scuola ed è peggiorata molto, fino a perdere l’uso delle gambe. Ora è in ospedale a Trieste e la vado a trovare almeno una volta a settimana: è forte e non si arrende e sebbene abbia una vita difficile, lei ti fa pensare che non è un problema. L’ultima volta non ho potuto fare a meno di dirle che, anche se avevo il sorriso, non riuscivo a guardarla come prima, quando poteva camminare e lei mi ha detto: Essere sempre fieri di quel che si è. Delle proprie gambe per correre, camminare e saltare, della propria sedia per andare comunque lontano.. perché non importa dove stai, se stai in piedi, se corri o se non puoi nemmeno camminare: con la testa e con il cuore puoi sempre sognare e volare in alto!
E poi..è bello anche cambiare, altrimenti che noia!
Mi sono resa conto della fortuna che ho a camminare e a correre. Mi ha dato di nuovo un motivo in più per essere felice come ha sempre fatto.”
Ha fatto fatica a finire la sua gemma F. (classe quarta), la voce rotta dall’emozione. Non ho potuto fare a meno a una delle sequenze più belle di quasi amici: