Pubblicato in: Etica, Letteratura, musica, opinioni

Cercavo semplicemente l’amore

Chi frequenta spesso e assiduamente queste pagine sa che amo leggere più libri in Matrimonio Cate e Vince_0088fb.jpgcontemporanea. Leggo quello che mi va nel momento in cui decido di leggere, ed avendo una psiche instabile devo tenere aperte più porte. A volte capita che la domanda posta in un libro trovi tentativo di risposta nelle pagine di un altro. In “Il principio passione” Vito Mancuso cita Lucio Dalla:

“Vorrei seguire ogni battito del mio cuore

per capire cosa succede dentro

e che cos’è che lo muove

da dove viene ogni tanto questo strano dolore.

Vorrei capire insomma che cos’è l’amore

dov’è che si prende, dov’è che si dà”.

Due giorni dopo aver letto queste parole, mi sono imbattute in quelle di Erri De Luca in “Il contrario di uno” (un libro che, tra l’altro, mi ha deluso parecchio): “Più della libertà ho aspettato il minuto bollente in cui quattro labbra sospendono il respiro e si mischiano per gustare se stesse attraverso altre due e si confondono per appartenersi”. Vi ho ritrovato il Simone tra i 16 e i 20 anni, alla costante ricerca della persona da amare. Un’immagine era costantemente presente nei miei sogni ad occhi aperti: una ragazza di spalle davanti a me con le mie braccia che la racchiudevano in un abbraccio. Non vedevo un volto preciso, non la identificavo in una persona specifica. Cercavo semplicemente l’amore, molto più di altre cose. Fino a quando, nella vita reale, quella ragazza si è voltata…