Pubblicato in: Diritti umani, Etica, Religioni, Storia

Moda nascosta a Teheran

Ancora da Sette prendo questa breve notizia di Stefano Torelli:

url.jpg“Se la moda non conosce limiti, sicuramente ciò è vero anche per l’Iran. Nonostante l’immagine di Paese conservatore, quasi bigotto, che viene spesso presentata in Occidente, la Repubblica islamica è sempre capace di riservare sorprese e di presentare una generazione di ragazzi e ragazze che, in termini di modernità e avanguardia, non hanno niente da invidiare ai coetanei europei o statunitensi. E così, mentre a livello politico il nuovo presidente Rouhani sembra volersi impegnare sulla strada del dialogo e del disgelo delle relazioni con gli Stati Uniti e il mondo occidentale in generale, Teheran è interessata da un fenomeno di natura sociale ed economica sempre più diffuso. Si tratta delle cosiddette maison iraniane, di fatto delle piccole boutique di moda, costituite per lo più da appartamenti e locali privati e concessi in affitto ai gestori. Lontano dai riflettori della vita pubblica. Il motivo di tanta riservatezza è semplice: gli stilisti e i curatori di immagine sono declinati al femminile. Una generazione di donne che, sfidando gli stereotipi di una società comunque ancora patriarcale, ha deciso di mettersi in proprio e dare libero sfogo alla propria passione, quella della moda, appunto. Le maison sono dei locali in cui le donne svestono il velo e lasciano libere le chiome con pettinature alla moda, in cui si concedono a manicure e trucchi sul viso. E in cui, soprattutto, si emancipano non solo dal punto di vista sociale, ma anche economico. Spesso in queste boutique le proprietarie, infatti, vendono le proprie creazioni e i propri capi di abbigliamento, traendone un profitto che, in alcuni casi, si rende necessario per il proprio mantenimento. Molte ragazze sono single, oppure donne vedove che non hanno più l’aiuto dei mariti e devono guadagnarsi da vivere. La pubblicità viene fatta attraverso i giornali locali o chiamando direttamente i potenziali clienti e il giro di affari si alimenta con il passaparola. Le sanzioni economiche imposte all’Iran sulle importazioni di alcuni beni industriali rendono i prezzi dei capi d’abbigliamento piuttosto fluttuanti, ma tutto sommato ancora in grado di reggere alla concorrenza dei canali tradizionali di vendita. Ed è anche così, tramite lo shopping clandestino, che una nuova generazione porta avanti la propria piccola rivoluzione.”