Pubblicato in: Filosofia e teologia, Letteratura, musica

Il mare lontano


 marelontano.jpg

Un brano di letteratura e una canzone: li ho uniti perché li sento affini, come se facessero vibrare in me le stesse corde. Il nodo è quello di cercare il senso, l’anelito, la scintilla da cui poi derivano le passioni, le motivazioni, le ragioni del nostro agire. C’è chi lo trova in sé, chi lo trova negli altri, nella natura, in Dio, nell’idea di uomo. Antoine de Saint Exupéry ne scrive come di una sete da risvegliare, un qualcosa che quindi per l’uomo è esigenza, bisogno fondamentale, necessità di sopravvivenza; e che quando riceve soddisfazione dona piacere, un piacere atavico. Sergio Cammariere ne canta come di un punto in mezzo al mare, lontano dalla terra, dalle case e dal porto, un posto dove ricordi e cose note si confondono per dare spazio a una nuova possibilità, a una nuova creazione in cui dare un nome nuovo ai sentimenti.

“Se vuoi costruire una nave non devi chiamare gente che procuri la legna e prepari gli attrezzi necessari, o distribuire compiti e organizzare il lavoro. E non devi raccogliere le persone per dar loro ordini e spiegare ogni dettaglio o dire loro dove trovare qualunque cosa. Prima, invece, risveglia la nostalgia del mare lontano e sconfinato. Appena si sarà svegliata in loro questa sete, le persone si metteranno subito al lavoro per costruire la nave”. (Antoine de Saint Exupéry)

Dalla pace del mare lontano fino alle verdi e trasparenti onde

dove il silenzio non ha più richiamo e tutto si confonde

Dalle lagune grigie e nere, dal faticare senza riposo

dalla sete alla fame allo spavento al più segreto tormento

Avemmo padri avemmo madri fratelli amici e conoscenti

Ed imparammo a dare un nome nuovo ai nostri sentimenti

E così un giorno a camminare su questa terra sotto a un sole avaro

Per un amore che sembrava dolce e si è scoperto amaro

Ma è solo un’eco nel vento nel vento che mi risponde

Venga la pace dal mare lontano venga il silenzio dalle onde

E in mezzo al mare c’è un punto lontano così lontano dalle case e dal porto

Dove la voce delle cose più care è soltanto un ricordo

Ma da quel punto in poi non si distingue più

La linea d’ombra confonde ricordi e persone nel vento

Avemmo padri avemmo madri …

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.