Pubblicato in: Bibbia e Spiritualità, Etica, Filosofia e teologia, Religioni

I ciechi e l’elefante


i_ciechi_e_l_elefante.jpg

Spesso nelle religioni vi sono ciechi convinti di possedere tutta la verità, mentre ciò che conoscono non è che una parte della verità.

“C’era una volta un re che ordinò al suo ministro: “Riunisci in una piazza tutti gli uomini del regno, che sono ciechi fin dalla nascita!”. Il ministro eseguì l’ordine e quindi lo annunziò al re. Questi si recò sulla piazza, dov’erano riuniti i ciechi, ed ordinò che ognuno di essi toccasse l’elefante reale, per poi dirgli a che cosa l’elefante somigliasse. L’elefantiere fece toccare ad alcuni ciechi la testa, ad altri le orecchie, ad altri le zanne, ad altri la proboscide, ad altri il ventre, ad altri le gambe, ad altri il dietro, ad altri il membro, ad altri la coda; sempre a tutti dicendo: “Questo è l’elefante!”. Poi il re si accostò ai ciechi e chiese loro se avessero toccato l’elefante. “Sì, Maestà!” risposero. “Allora ditemi a che cosa rassomiglia l’elefante?” E i ciechi cominciarono a descrivere a modo loro l’elefante.

Quelli che avevano toccato la testa dissero: “Maestà, l’elefante rassomiglia ad una caldaia.”

Quelli che avevano toccato le orecchie dissero: “Maestà, l’elefante rassomiglia ad un ventilabro.”

Quelli che avevano toccato le zanne dissero: “Maestà, l’elefante rassomiglia ad un vomere.”

Quelli che avevano toccato la proboscide dissero: “Maestà, l’elefante rassomiglia ad un manico d’aratro.”

Quelli che avevano toccato il ventre dissero: “Maestà, l’elefante rassomiglia ad un granaio.”

Quelli che avevano toccato le gambe, dissero: “Maestà, l’elefante rassomiglia a colonne.”

Quelli che avevano toccato il dietro, dissero: “Maestà, l’elefante rassomiglia ad un mortaio.”

Quelli che avevano toccato il membro, dissero: “Maestà, l’elefante rassomiglia ad un pestello.”

Quelli che avevano toccato la coda, dissero: “Maestà, l’elefante rassomiglia ad uno scacciamosche.”

E, siccome ognuno sosteneva la sua opinione, cominciarono a discutere e finirono con l’accapigliarsi e percuotersi, gridando: “L’elefante rassomiglia a questo, non a quello! Non rassomiglia a questo, rassomiglia a quello!”. E il re si divertì a quella zuffa.”

(Udana VI, 4, 66-69)

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.