Pubblicato in: Etica

Armi vendute dall’Italia


Armi: nuovo record per il made in Italy

estratto di un articolo Riccardo Bagnato (http://www.vita.it/articolo/index.php3?NEWSID=91764)

Nuovo record per l’esportazione di armamenti italiani che nel 2007 sfiorano i 2,4 miliardi di euro con un incremento del 9,4% rispetto al 2006. Sono queste le prime anticipazioni del Rapporto annuale previsto dalla legge 185 del ’90, e rese note dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in occasione dell’incontro fra alcuni rappresentanti della Rete Disarmo e la Segreteria tecnica del sottosegretario Enrico Letta.

Una crescita contenuta rispetto all’anno passato, quando le autorizzazioni alle esportazioni erano invece aumentate di oltre il 60% sul 2005, ma pur sempre “un trend di crescita dell’export alquanto preoccupante” ha commentato Francesco Vignarca, coordinatore della Rete Disarmo presente all’incontro.

Fra gli esportatori primeggia, come volume finanziario, l’MBDA ITALIA con oltre il 18,49% , pari a circa 442,9 milioni di euro, seguita da:

INTERMARINE con il 10,22%, pari a circa 244,8 milioni di euro;

FINCANTIERI con il 7.99%, pari a circa 191,6 milioni di euro

AGUSTAWESTLAND con il 7,93%, pari a circa 190,0 milioni di euro;

OTO MELARA con il 7,0%, pari a circa 167,65 milioni di euro;

GALILEO AVIONICA con il 6,72%, pari a circa 160,99 milioni di euro;

AVIO con il 5,97%, pari a circa 143,1 milioni di euro;

IVECO con il 4,48%, pari a circa 107,3 milioni di euro.

ALENIA AERMACCHI con il 3,98%, pari a circa 95,3 milioni di euro;

ORIZZONTE Sist. Nav. con l’2,48%, pari a circa 59,4 milioni di euro.

Per quanto riguarda, invece, i principali destinatari delle autorizzazioni alle esportazioni definitive di materiale d’armamento (non considerando le operazioni da compiere nell’ambito dei Programmi Intergovernativi per lo più destinate a Paesi Europei), dopo il Pakistan, al primo posto, merito soprattutto di un’autorizzazione per missili contraerei (di tipo Spada-Aspide prodotti dalla MBDA, controllata Finmeccanica), si scopre qualche altro nome a dir poco imbarazzante come Turchia, Malaysia e Iraq. Ma ecco la classifica completa fino al decimo posto:

PAKISTAN con il 19,91% delle operazioni pari a circa 471,6 milioni di euro;

FINLANDIA con il 10,59%, pari 250,96 milioni di euro;

TURCHIA con il 7,37%, pari a circa 174,57 milioni di euro;

REGNO UNITO con al 5,98%, pari a 141,77 milioni di euro;

STATI UNITI con il 5,81%, pari a circa 137,72 milioni di euro;

AUSTRIA con il 5,05%, pari a 119,72 milioni di euro;

MALAYSIA con il 5,04%, pari a 119,28 milioni di euro;

SPAGNA con il 5,02%, pari a circa 118,84 milioni di euro;

IRAQ con il 3,55%, pari a circa 84,0 milioni di euro;

FRANCIA con il 3,48%, pari a 82,39 milioni di euro.

Record, infine, anche per le operazioni autorizzate alle banche che salgono ad oltre 1,2 miliardi di euro. Il gruppo Unicredit con oltre 183 milioni di euro di operazioni si profila come la prima banca d’appoggio al commercio di armi del 2007 nonostante la policy di “uscita progressiva dal settore” annunciata fin dal 2001 dal suo Amministratore delegato, Alessandro Profumo, in attesa, dopo l’acquisito di Capitalia l’anno scorso di definire una linea di comportamento per quanto riguarda questo tipo di operazioni.

Diminuiscono, invece, le operazioni del gruppo Intesa San Paolo: un primo effetto della nuova policy entrata in vigore solo nel luglio scorso, ma che già sembra presentare risultati positivi.

“Preoccupa invece soprattutto la crecita di operazioni di istituti esteri come Deutsche BankBear-Stearns-Troubles  (173,9 milioni di euro), Citybank (84 milioni), ABC International Bank (58 milioni) – ha sottolineato Giorgio Beretta della Campagna ‘banche armate’ in occasione della presentazione del Rapporto – e BNP ParibasMassive-Bailout-Planned-for-Banks  (48,4 milioni) a cui vanno sommati i valori dell’acquisita BNL (63,8 milioni). Se siamo riusciti a portare diverse banche italiane ad esplicitare una policy precisa e il più possibile restrittiva in questa materia – ha aggiunto Beretta – dobbiamo creare la stessa azione di pressione sia in Italia sia negli altri paesi europei per quanto riguarda le banche estere”.

Ma ecco la classifica completa delle prime dieci banche per attività:

UNICREDIT Banca d’Impresa (14,96%)

Deutsche Bank (14,20%)

Banca INTESA SAN PAOLO (11,81%)

Citibank (6,86%)

Banca Nazionale del Lavoro (5,21%)

ABC International Bank PLC (4,74%)

Cassa di Risparmio in Bologna (4,38%)

BNP Paribas (3,95%)

HSBC Bank (2,22%)

Commerz Bank (2,20%)

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.