Pubblicato in: Filosofia e teologia, Religioni, sfoghi, Storia

Schiacciate l’infame (sigh!!!)


Leggo, incuriosito ed esterefatto, questa notizia, con la curiosità di sapere il restante 50% di cui si parla. Certo non penso che si riuscirà a riparare al danno fatto da questo… La notizia è presa dall’edizione fiorentina di Repubblica. Senza altre parole…

Cattura3.JPG“Sono contenta che non ci sia più la Santa Inquisizione, non mi sarebbe piaciuto troppo finire arrostita come Giordano Bruno”. E’ con questa battuta che l’astrofisica Margherita Hack commenta la presenza di una sua fotografia – insieme a quelle di Piergiorgio Odifreddi, Corrado Augias, Vito Mancuso, Stalin, Hitler e Mao – nel presepe contro “il fanatismo laico” allestito nella chiesa di San Felice in Piazza San Felice a Firenze dal parroco don Gianfranco Rolfi. Secondo il parroco, il suo presepe è ancora un’opera incompiuta: «Manca il 50% della cattiveria». E quindi non vuol spiegare perché, a un passo dall’altare, quest’anno abbia scelto di rappresentare il Natale così, con un cartello che sovrasta la capanna e gli ulivi, le immagini dei quattro intellettuali e dei dittatori. Un triangolo rovesciato e un’esortazione: «Schiacciate l’infame». Il male della Storia e il (presunto) male della contemporaneità. Almeno, secondo l’iconologia e la visione del mondo firmata don Rolfi. Che però si nega, nicchia, svia. In fondo sono le 17.30, è già sera, le fedeli aspettano ed è quasi l’ora della novena, e mica può spiegare il senso di quel messaggio prima che «il presepe sia completo. È giusto sia prima la mia gente a sapere. Mi faccia finire, manca ancora il 50% della cattiveria. Anzi, della perfidia. Che è pure peggio», dice. E poi aggiunge: «Naturalmente metto ciò che per me è perfido. Io sono perfido, lo so, ma non sono mica un prete alla Mancuso».

Ma scusi, padre, non è un messaggio forte, violento, da associare al presepe e soprattutto a persone viventi? Dal Natale ci si aspettano messaggi di pace… Silenzio, il don rientra in canonica: «Proprio la Repubblica viene a chiedere a me se è un messaggio forte con tutto quello che scrive sulla Chiesa e Gesù. Non mi prenda per i fondelli, per piacere». Poi esce, scivola lungo la navata, va verso l’abside di sinistra, la capanna e gli alberelli. Ma scusi, padre, ha scritto “schiacciate l’infame”? «Voi giornalisti siete degli ignoranti, non leggete, non avete cultura». «Schiacciate l’infame» è una frase famosa di Voltaire, un grido di battaglia che lo scrittore e filosofo francese scrisse all’epoca del Trattato sulla tolleranza contro la condanna a morte di tre persone accusate di miscredenza. Nella sua riflessione era un invito a usare la ragione e a lottare contro ogni forma di fanatismo religioso. Contro l’integralismo dei dogmi e a favore di una società aperta al dialogo fra le confessioni, ma governata da una giustizia civile. È un appello alla laicità e alla compassione. Ma usato nello stile di Rolfi non fa esattamente quell’effetto. E non si capisce se per lui la Hack, Mancuso, Augias e Odifreddi siano una sorta di antifrasi voltairiana, insomma una specie di rappresentazione del fanatismo laico o ateo. Le fedeli entrano e strabuzzano gli occhi. «O my god»,dicono tre ragazze americane. «Non capiscono? Lo so lo so – dice don Rolfi – una donna ieri ha avuto una crisi isterica. Mi denuncino o aspettino».

“Quello mi sembra che sia un gran bischero, mi fa più ridere che piangere e poi non me ne frega nulla di questa iniziativa”. E’ la laconica chiosa dell’astrofisica dell’Università di Trieste. “Stare accanto a Odifreddi, Augias e Mancuso – afferma la professoressa – mi sembra un buon segno e mi fa piacere perchè sono persone che stimo. Essere accostata a Hitler è invece un’offesa grave perché quello era un pazzo feroce”.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.