Pubblicato in: Bibbia e Spiritualità

per iniziare bene…

LA VITA E’ 992453633.JPG

La vita è un’opportunità: coglila.
La vita è bellezza: ammirala.
La vita è beatitudine: assaporala.
La vita è un sogno: fanne una realtà.
La vita è sfida: affrontala.
La vita è un dovere: compilo.
La vita è un gioco: giocalo.
La vita è preziosa: abbine cura.
La vita è ricchezza: conservala.
La vita è amore: godine.
La vita è un mistero: scoprilo.
La vita è promessa: adempila.
La vita è tristezza: superala.
La vita è un inno: cantalo.
La vita è una lotta: accettala.
La vita è una tragedia: afferrala corpo a corpo.
La vita è un’avventura: rischiala.
La vita è felicità: meritala.
La vita è vita: difendila.

MADRE TERESA DI CALCUTTA

 

Pubblicato in: Etica

Economia USA

Prendo dal sito di Internazionale

Il link di quest’articolo
internazionale.it/home/primopiano.php?id=20230
Economia Usa in crisi

Gli avvenimenti degli ultimi giorni hanno dimostrato una volta per tutte quanto il sistema economico e finanziario statunitense sia in uno stato di crisi profonda.

Internazionale, 15 settembre 2008

Dopo l’azione di salvataggio messa in atto dal governo per salvare i colossi dei mutui Fannie Mae e Freddie Mac, ieri la notizia che era nell’aria di un prossimo fallimento della banca di investimenti Lehman Brothers si è concretizzata. La stampa statunitense si mostra decisamente pessimista.

“Stiamo assistendo a un vero e proprio collasso, la cui gravità ricorda molto da vicino la crisi del 1929”, scrive il New York Times, che spiega: “Come allora, il risultato finale di questo crollo finanziario, potrebbe portare alla rovina tutto il sistema bancario. Rispetto ad allora, però, le cause sono diverse, in quanto è cambiato completamente il modello di gestione del denaro. Il sistema finanziario tradizionale, per cui chi era in possesso di risparmi li depositava concretamente in banca, è stato sostituito da un sistema bancario fantasma, dove la maggior parte degli affari sono realizzati con transazioni fittizie e molto rischiose”.

Secondo il Wall Street Journal “la scelta del governo di non coprire le spalle a Lehman Brothers è stata giusta, anche se incoerente rispetto a quella del marzo scorso, quando Bush aveva deciso di salvare l’altra grande banca di investimenti Bear Stearns; un ulteriore salvataggio avrebbe fatto passare l’idea che il governo è pronto a correre in soccorso di qualsiasi istituto privato in crisi. Adesso, però, si apre una fase in cui l’azione del governo sarà decisiva per riuscire a stabilizzare la finanza statunitense”.

L’impressione, però, è che a essere in crisi sia l’intero sistema economico, come spiega il Washington Post: “Tutti i settori sono in affanno. Giovedì scorso il Congresso ha stanziato 8 miliardi di dollari per creare l’Highway Trust Fund, un fondo fiduciario che ha come obiettivo quello di evitare l’insolvenza alle società che gestiscono il sistema stradale”.