Pubblicato in: blog life, Etica, opinioni, Scuola

E’ vietato calpestare i sogni!

Copio dal blog Ho ascoltato il silenzio questo piccolo intervento. Aggiungo che sulla miaÈVIETA~1.JPG stufa c’è un piccolo sasso verniciato con una scritta “E’ vietato calpestare i sogni!”. Un prof che lascia calpestare i sogni può smettere di fare il prof, così come uno studente, ma un prof che li calpesta è veramente un cattivo prof…

Le dirò che io quest’anno a scuola non ci volevo proprio tornare. Pensare che voi (lei e i suoi colleghi) mi farete perdere il primo mese di scuola per ambientarmi (è l’undicesimo anno che varco quella soglia!), che comincerete già dalla seconda ora a parlarmi degli esami di maturità quando mancano ancora tre anni, che parlerete male di Berlusca e dei suoi inservienti, che mi riempirete la testa della nuova Manovra e dell’incapacità del Governo di rappresentarci e che condirete il tutto intervallandolo con i vostri problemi familiari ed esistenziali un po’ mi fa incavolare. Perchè lei, prof, dovrebbe sapere che sotto la mia faccia da asino ci sta un alfabeto di desideri: di correre, di gridare, di piangere, di amare, di sognare, di diventare grande, di sognare da capitano. Per fare questo le sue frustrazioni mi sono più d’intralcio che d’aiuto. Scusi se glielo dico, ma se ci torno a scuola è perchè anche quest’anno – mi creda: non giochi con la bontà degli studenti – spero che la musica cambi per davvero. Io vorrei tanto vederla piangere mentre spiega la sua materia, scoprire dentro il suo sguardo la passione per quello che dice, inabissarmi nel suo entusiasmo per poi scoprire che lei è davvero quello che dice. Sentirmi raccontare di quando Pasteur tratteneva il fiato sopra il suo miscroscopio, di quando Cèzanne immobile e muto scrutava il mare dentro i suoi quadri, di quando Platone s’accorse di consumare più olio nella lampada che vino nella coppa. Quest’estate ho sognato tante notti di entrare in classe e scoprire che la mia prof crede davvero che la vita abbia un senso splendido da far sbocciare, che noi non siamo qui per caso, che dentro noi c’è un microcosmo meraviglioso da illuminare. Quando penso che alla mia età Mozart già componeva musica, Domenico Savio era già santo, Alessandro Magno stava per vincere la battaglia di Cheronea e Pascal già scrivera opere, sento nascere la passione nel mio cuore. Le chiedo solamente, prof, che qualora lei non l’avvertisse questa passione mi faccia il piacere di starsene a casa quest’anno: s’inventi una scusa qualsiasi, ma ci faccia il favore di non scegliere ancora noi come destinatari della sua frustrazione esistenziale. C’abbiamo grandi aspettative noi ragazzi. E tanta speranza che qualche prof entri in classe e ci faccia finalmente innamorare delle cose più alte e nobili. Di Berlusca ne parli pure. In sala docenti, però.

Pubblicato in: blog life, opinioni

Let’s go

Oggi c’è il rimasuglio di questa perturbazione che ci ha dato il primo segnale che l’estate sta finendo; non penso di fare il mio solito giretto a piedi in compagnia del fido Mou (eccolo qui in foto) per le strade di campagna che circondano il mio paese. Tra l’altro stasera inizia la nuova stagione pallavolistica e non posso arrivare stanco ad allenamento. Mi mancherà quel giretto di corsa per i campi, quel contatto quotidiano con la natura e i suoi ritmi. Nel giro di una settimana molte viti si sono svuotate dei grappoli che portavano e molte pannocchie sono diventate grumi di grani: la campagna torna ad aprirsi a perdita d’occhio senza essere delimitata dalle pareti di granoturco. Le giornate si stanno accorciando e il buio inizia sempre prima. Le cimici iniziano a cercare riparo nei pressi delle case, tra infissi e zanzariere. Sono tutte cose che mi dicono che la scuola è iniziata anche se il caldo delle aule della scorsa settimana facesse più pensare a giugno che a settembre… Insomma desidero augurare un buon anno a tutti, un anno ricco di nuove conoscenze e nuove esperienze, un anno di molte cose e di molti incontri. Ho fatto riferimento alle mie passeggiate o corse nella natura perché mi piacerebbe che durante quest’anno ci ricordassimo anche dei ritmi della natura, fatti di accelerazioni ma anche di periodi di rallentamenti. Mi piacerebbe che a volte ci concentrassimo sull’essenziale, sulle cose importanti, su ciò che dà senso e significato alla vita di ciascuno. Quindi buon anno a tutti!

 

Ferragosto 2011_0027fb.jpg