A sera


Ieri sera sono finalmente riuscito a fare delle foto. Non sono stato fuori molto, mezzora al massimo, ma c’era una bellissima atmosfera. Oggi ho trovato su questo sito le parole che la poetessa americana Jane Kenyon scrisse per il pastore Jack Jensen, suo amico malato di cancro. Benché la Kenyon faccia riferimento alla sera della vita, ho respirato molte delle emozioni descritte. E quello sotto è un fugace scatto colto al momento.

 

Che la luce del tardo pomeriggiosera.jpg

brilli attraverso le fenditure del granaio, scalando

le balle di fieno quando il sole si abbassa.

 

Che il grillo cominci a strimpellare

come una donna che prenda i ferri

e il suo filato. Che scenda la sera.

 

Che la rugiada si raccolga sulla zappa abbandonata

nell’erba alta. Che appaiano le stelle

e la luna scopra il suo corno d’argento.

 

Che la volpe torni alla sua tana sabbiosa.

Che cada il vento. Che nel fienile

entri l’oscurità. Che scenda la sera.

 

Per la bottiglia nel fosso, per la pala

nell’avena, per l’aria nei polmoni

che scenda la sera.

 

Che scenda, sia come sia, e non

avere paura. Dio non ci lascia

senza conforto, e allora che scenda la sera.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: