Azzardo


azzardopoli-dipendenza-gioco-dazzardo

Un articolo di Alessandro Beltrami di due mesi fa, pubblicato su Avvenire.
Sono 1,3 milioni i giovani tra i 14 e i 19 anni che nel 2014 hanno provato il gioco d’azzardo: vale a dire il 54% di coloro che frequentano le superiori: poco più di uno studente su due. Fortunatamente il 35% di questi gioca raramente (meno di una volta al mese) e il 9% una volta al mese, ma è del 10% la quota di coloro che tentano la sorte almeno una volta a settimana, rientrando nella fascia a rischio dei “frequent player”, i giocatori costanti. Tra i minorenni ha giocato in almeno un’occasione il 51%. L’87% degli studenti ha però coscienza che il gioco può trasformarsi in dipendenza.
Sono i dati emersi dalla ricerca dell’osservatorio Young Millenials Monitor, realizzato da Nomisma in collaborazione con l’Università di Bologna. La ricerca è stata condotta su 580 classi in tutta Italia, coinvolgendo oltre 14mila ragazzi. Un campione che ha evidenziato una difformità di distribuzione tanto a livello territoriale quanto per tipologia scolastica.
L’incidenza dell’azzardo è molto maggiore nel Sud e nelle Isole, dove il 64% dei giovani gioca contro il 43% del Nord. In linea generale, invece, giocano di più i ragazzi (63%) rispetto alle ragazze (43%), così come i maggiorenni sono più propensi all’azzardo dei minorenni (61% contro il 51%). Enorme la forbice tra i ragazzi che provengono da famiglie in cui vi è un’abitudine al gioco rispetto a famiglie non giocatrici: 65% contro il 10%. L’azzardo è più diffuso tra gli studenti degli istituti tecnici e professionali (rispettivamente 60% e 59%) rispetto a quelli dei licei (49%). Silvia Zucconi, coordinatrice dell’osservatorio, osserva inoltre che «chi ha voti elevati in matematica ha una propensione al gioco inferiore del 10% rispetto a chi ha voti insufficienti. Quindi la capacità di valutazione della probabilità di vincita è un elemento che determina l’interesse verso il gioco».
La maggior parte degli studenti ha giocato per curiosità (30%), il 23% “per caso” e il 14% perché altri amici già giocavano. Nella classifica dei giochi, secondo la ricerca di Nomisma, al primo posto si colloca il Gratta&Vinci, sperimentato durante l’anno scolastico dal 38% degli studenti, al secondo posto ci sono le scommesse sportive in agenzia (25%) e quindi i giochi di abilità online (20%). Crolla l’interesse verso giochi tradizionali come Superenalotto e Lotto. La maggior parte dei giovani (28%) ha provato una o due tipologie di gioco durante l’anno scolastico 2014/15, mentre il 12% ha giocato a ben cinque tipologie, dato preoccupante ma in controtendenza rispetto al 22% dell’ultima rilevazione, relativa al 2008.
Interessante il confronto con alcuni dati della ricerca Nomisma di sei anni fa. Se allora la quota di studenti sopra i 15 anni che avevano giocato d’azzardo era in linea con i dati attuali, il 55%, diversi indici sono in contrazione: allora avevano dichiarato propensione al gioco il 76% dei ragazzi e il 61% delle ragazze, aveva detto di giocare il 75% degli studenti dell’Italia meridionale e il 78% di coloro che frequentavano gli istituti professionali.”

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...